Tropico Ancelottiano (un racconto by night)

 di Marco Bruttapasta

Ancelotti se vuole superare l’Arsenal s’adda spurcà e mmane
E allora adda passà tutta a nuttata a guidà na seiciento cu e vetre scassate
Perdersi tra Miano e Barra, Piscinola e o’Conocall
Adda jii a casa e nu’ camorrista,che chiagne pecchè l’ha lassato a mugliera e p’o fa calmà adda guardà cu isso una vecchia cassetta di Colpo Grosso
Deve parlare con la mamma del camorrista, Rosa, che ancora tratta o figlio comme nu criaturo, nonostante cinquant’anni e cinquanta omicidi alle spalle, ordinati,pensati e eseguiti
Ora il figlio sta ai domiciliari pecchè tene a’ burzetta ncopp’a panza
“L’ha lassata p’a puzz”sospira la signora Rosa aggiungendo un “chella cessa”… “Ancelo’ verite si ha mangiato”, riferendosi a una pasta e patane intonsa lasciata a morire int’a nu piatt spiano.
Umberto Smaila introduce le femmene da dentro il vuaccaesse e quell’omone non trattiene le lacrime: Misterr ma se sente accussì assaje? Ma pecchè non mi vuole più bene? Io per lei acciress…

Ancelotti se vuole alzare veramente la coppa deve andare da chi vende soldi con l’interesse
Compro oro e m’accatto a famma d’a ggente
Deve fare la fila insieme a na babele di coppie che si fa togliere il sangue per permettersi Tony Colombo ora che va all’altare, pensionati prosciugati dal Lotto istantaneo, sguardi spiritati, volti emaciati,diete a base di iustell e sottilette per passare le giornate int’o tabaccaro, aspettando un quarantotto, un ottanta, un sessantanove per svoltare
Ancelotti deve andare fuori al Duomo mentre e scugnizzi jocano o pallone
Adda ricere: ooh passa a mmè
Si deve sentir dire: O’ nonn nun ce’ fa perdere tiempo
E isso adda risponnere: famme nu bucchino
Si deve acchiappare una capata mmocca da uno con una barba siriana
Deve andare al Pronto Soccorso del Cardarelli
Perdersi nel labirinto del codice rosso, bianco, verde
Dei sinistri falsi, dei collari falsi, gente falsa, degli avvocati carrozzieri
Addà aspetta ncopp’ a na barella mentre nu mierico passa e tocca o culo e na nfermera…
Deve ubriacarsi di vino rosso di cartone pe ffà calma o’ rulore
Adda iì a fumà fore piazza bellini
Si deve sfonnare di jambonett
Essere tentato da un kobrett
Deve andare da un travestito annanz’o San Carlo
Gli deve dire: vieni a casa mia, ma no pe’ ffà ammore,pe’ ffà nu sfratto…
Deve andare in un centro massaggi cinese, chiedere l’happy end e rimanere lì per ore, intontito e sognante comm’a De Niro dentro all’oppieria di Leone
Adda accattà na pallina e coca int’o Monterosa
Deve andare co’o core che gli sbatte fino a Baia Verde
Perdersi tra le braccia di una nera raccattata fore a Domiziana, raccontarle di quando gli scassarono il ginocchio e dopo deve cercare di non pagare

Deve schivare paccheri di un nigeriano che minaccia riti vudù
Deve andare a fare il bagno, abbascio Patria e mangiare cozze addo Peppe o vibrione
Deve tornare a Napoli pe’ cagnà l’assegno a uno
Sedersi per ore fore o’ lungomare
Dare nu cavecio nculo o bengalese cu e rrose
Deve andare fore Santa Lucia a s’accattà vinte stecche e Mabboro
Tornare a casa, sfatto, strutto, adda tuzzà vicino a nu cummò
Dormire e il giorno dopo rispondere male a Massimo Ugolini..
Adda chiavà nu pacchero a mana smerza a Eduardo, o figlio d’o Presidente
Accussì, per stabilire distanze, gerarchie..
Questo deve fare Ancelotti, si vvò superà l’Arsenall…

Immagine di copertina a cura di Luca Mainolfi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.