L’infortunio di Hysaj toglie il velo ad un mercato di gennaio al risparmio

Hysaj: che siano stramaledette le nazionali

Che siano stramaledette le nazionali, soprattutto le partite amichevoli. Le notizie che arrivano dall’Albania sono molto preoccupanti: l’infortunio di Hysaj potrebbe essere un colpo mortale per i sogni azzurri. Non fasciamoci la testa prima di essercela rotta, sia ben chiaro. Ma se l’ex terzino dell’Empoli dovesse avere qualcosa di serio, non necessariamente da necessitare di un intervento, ma da tenerlo fuori un mesetto, gli effetti potrebbero essere nefasti. C’è Maggio che lo può sostituire, ma è chiaro che non sarebbe la stessa cosa. Per di più senza Hysaj verrebbe meno l’unica alternativa sperimentata per sostituire eventualmente Mario Rui (che è in diffida).

Di sicuro non giocherà a Reggio Emilia contro il Sassuolo (e mancherà anche Hamsik): questo potrebbe non essere un grave problema. Tutto sommato si potrebbe anche “sopportare” un’assenza per la gara successiva, in casa contro il Chievo. Ma a San Siro contro il Milan potrebbe essere un grande problema. Anche perché poi il Napoli avrà il turno infrasettimanale con l’Udinese e poi la partitella a Torino.

Le colpe del mercato di gennaio

Qui si pagano le colpe del mercato di gennaio. Uno dirà: c’è stato il nuovo infortunio di Ghoulam, che non si poteva prevedere. Non è vero: quando si ha un intervento delicato come quello che ha avuto l’esterno algerino qualche problema è sempre da mettere in conto. Prudenza avrebbe voluto che si provvedesse a prendere qualcuno. Colpevolmente non è stato fatto (Milic è stato preso solo per gli allenamenti, a quanto è stato detto), ed adesso si corre un rischio pazzesco. Ricordiamo che Mario Rui è in diffida, sarebbe stato giusto farlo ammonire semmai contro il Sassuolo per scontare la squalifica col Chievo, e pulire la fedina penale. Adesso non è possibile farlo.

Sfortuna? Certamente si, ma la sfortuna va messa in conto, e si prova a prevenirla. Adesso Sarri dovrà inventarsi qualcosa. Semmai provare Rog, che ha corsa e forza per poter coprire il ruolo, anche se è difficile in poche settimane mentalizzarsi al nuovo ruolo e capire i complicati meccanismi sarriani.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.